PERCORSO://Quando l’Olio va “in cattedra”

Quando l’Olio va “in cattedra”

   Si è conclusa nella giornata del 1 giugno la prima edizione del progetto dell’Istituto Alberghiero di Orvieto Luca Coscioni “L’olio in cattedra”, che dal mese di novembre ha impegnato, in giornate di formazione e attività di laboratorio, gli studenti delle scuole primarie e secondarie di I grado di molti Istituti del comprensorio orvietano.

Il progetto incentrato sul tema dell’olio extravergine d’oliva si è articolato in tre diversi percorsi didattici: di orientamento per le scuole medie, per condividere le attività delle discipline d’indirizzo che caratterizzano il curricolo formativo dell’Istituto Alberghiero, di educazione alimentare per le scuole elementari, alla scoperta delle caratteristiche dell’olio d’oliva e del ruolo che riveste per la nostra dieta, e di approfondimento in itinere per gli studenti del secondo biennio dell’IPSIA che hanno potuto analizzare gli aspetti tecnico pratici del prodotto, nell’ambito di Unità Didattiche di Apprendimento specifiche per i tre diversi indirizzi di formazione.

La programmazione delle attività ha visto il coinvolgimento attivo di esperti del settore, il Prof. Bruno Cirica, agronomo e la dott.ssa Chiara Agostinelli, titolare del frantoio Bartolomei, hanno infatti guidato gli studenti in un percorso sensoriale sulle caratteristiche organolettiche dell’olio extravergine d’oliva, alla ricerca di pregi e difetti di produzioni locali e non.

Diverse sono state le attività di laboratorio con cui i ragazzi si sono cimentati: supervisionati dai docenti di cucina, prof. Giuseppe Solombrino e Luigi Anniboletti, hanno realizzato preparazioni gastronomiche tradizionali e innovative a base d’olio extravergine d’oliva, con il prof. Nicola Giangiordano hanno vestito i panni da barman con il cocktail all’olio, per poi “lavarsi le mani” con le saponette a base d’olio d’oliva, realizzate insieme al docente di chimica Leonardo Sian.

Per la parte teorica, le attività di formazione nelle classi coinvolte sono state coordinate e condotte dalle docenti di Scienza degli alimenti Anna Perali e Silvia Aquili.

Tutte le attività si sono chiuse, in una splendida mattinata di sole e di festa, con la premiazione dei lavori delle classi finaliste. Per la sezione di gara della scuola primaria “L’olio e la sua storia: dalla terra alla tavola” si sono aggiudicate il 1° e il 2° premio, rispettivamente, la classe 4°A e 4°B della scuola “Luigi Barzini” dell’Istituto comprensivo Orvieto Baschi.

Per la sezione della scuola secondaria di I grado “Investigation oil” sono saliti sul podio gli studenti della classe 2°E dell’Istituto M. Cappelletti di Castel Giorgio, seguiti dalla classe 2°A della scuola media Luca Signorelli.

La Dirigente Scolastica, Cristiana Casaburo e la DSGA Tiziana Bocchino hanno consegnato alle classi vincitrici, le targhe e i premi messi in palio, e le professoresse Roberta Giorgi, conduttrice dell’evento e Anna Perali, referente del progetto, hanno ringraziato le classi e i docenti coinvolti alla presenza dei Vicepresidi dell’IPSIA , Prof. Benedetto Vagnetti e la Prof.ssa Caterina Leonardi, per la grande partecipazione a tutte le attività proposte.

A rendere ancor più piacevole la giornata è stato il buffet a tema realizzato dagli studenti degli indirizzi di Cucina e Sala e vendita con ricette stuzzicanti e particolari: gelato all’olio, pane, olio e musse al cioccolato, crostate di frolla all’olio d’oliva e cocktail analcolico a base d’olio. L’organizzazione della giornata è stata curata nei minimi dettagli dagli studenti dell’indirizzo di Accoglienza turistica, coordinati dai docenti Alessio Ricchezza e Cinzia Bonifazi, in collaborazione con tutto il personale ATA.

La giornata si è conclusa con l’impegno da parte dei docenti delle scuole  presenti di continuare il progetto di continuità e orientamento con l’Istituto Professionale di Orvieto, anche per il prossimo anno scolastico.

 

2022-06-06T20:16:44+02:00Giugno 6th, 2022|